Icaro

Nella mitologia greca Icaro (Icarus in latinoΊκαρος in grecoVicare in etrusco) era figlio dell’inventore Dedalo e di Naucrate, una schiava di Minosse.

Il Mito

Nell’isola di Creta il re Minosse aveva chiesto a Dedalo di costruire il labirinto per il Minotauro. Avendolo costruito, e quindi conoscendone la struttura, a Dedalo e suo figlio fu preclusa ogni via di fuga da Creta da parte di Minosse, poiché temeva che ne fossero svelati i segreti e vennero rinchiusi nel labirinto (tutto quest’ultimo periodo manca della fonte: Apollodoro, nel secondo secolo a.C., sostiene che Dedalo fosse stato rinchiuso nel labirinto perché Minosse lo riteneva responsabile della “riuscita” di Teseo, fuggito dal Labirinto grazie all’espediente del gomitolo che proprio Dedalo aveva suggerito. Non ci sono altre fonti nell’antichità che collocano Dedalo e Icaro imprigionati nel Labirinto. Ovidio nelle Metamorfosi non lo fa, Diodoro Siculo nemmeno).

Per scappare, Dedalo costruì delle ali con delle penne e le attaccò ai loro corpi con la cera. Malgrado gli avvertimenti del padre di non volare troppo alto, Icaro si fece prendere dall’ebbrezza del volo e si avvicinò troppo al sole (nella mitologia Febo); il calore fuse la cera, facendolo cadere nel mare dove morì. Il padre arrivò sano e salvo in Sicilia dove costruì un tempio dedicato ad Apollo, in memoria del figlio. Secondo la maggior parte delle versioni il corpo di Icaro non poté essere recuperato, con conseguente impossibilità per la sua anima di accedere nel regno di Ade: solo Ovidio dice che Dedalo, scorto il cadavere del figlio in balìa delle onde, volò giù a prenderlo, per poi dargli onorata sepoltura.

Morale della storia : usare sempre una colla buona

Patrick Rondat - Vivaldi tribute

Imagine Dragons - Demons

ad un tratto mi sembra inverno

Eugenio Montale

Eugenio Montale

Autunno. Già lo sentimmo venire
nel vento d’agosto,
nelle pioggie di settembre
torrenziali e piangenti
e un brivido percorse la terra
che ora, nuda e triste,
accoglie un sole smarrito.
Ora che passa e declina,
in quest’autunno che incede
con lentezza indicibile,
il miglior tempo della nostra vita
e lungamente ci dice addio.

Vincenzo Cardelli

 

Otis Redding - Sittin’ on the dock of the bay